Il comune di Lugano ha torto anche quando ha ragione